I tre giorni del Co…glione

On March 7, 2011, in Uncategorized, by admin

No, non vi preoccupate, questa non è la parodia de “I tre giorni del Condor” di Sidney Pollack.

Di recente è accaduto un fatto assurdo che mi ha lasciato senza parole. Un fatto così incredibile che fino all’ultimo non credevo fosse vero. Poi invece ho appreso che si trattava di un fatto “realmente reale”.

In Cina, un trentenne è morto per cause naturali dopo aver trascorso 3 giorni, ( 72 ore ) , ininterrotti davanti ad un pc di un internet cafè giocando online.

Ma vi sembra possibile una cosa del genere? Che razza di idiota può comportarsi così? Non ha mangiato, ne bevuto e ne dormito questo “genio”.

Ovviamente la colpa è stata data completamente alla dipendenza dal gioco,  (più precisamente stava giocando alla roulette online ). Ma qui siamo di fronte a qualcosa di più grande. La dipendenza non può annullare la persona e sopprimere anche i bisogni primari.

Certo, anche io quando ero ragazzino e mi distruggevo davanti alla playstation, quando avevo fame mangiavo…sempre continuando a giocare ovviamente e quando dovevo andare in bagno ci andavo alla velocità della luce. In totale veniva fuori che trascorrevo dalle 13 alle 17 ore al giorno davanti alla tv, poi ovviamente, dopo l’ennesimo voto di merda a scuola, le sagge parole di mio padre mischiate con i suoi sonori ciaffoni, mi fecero tornare sulla retta via. Oggi se ci ripenso, mi fa quasi schifo giocare alle consolle, le odio tutte.

Comunque, questo ragazzo è morto per infarto al miocardio aggravato dalla disidratazione. Prima di morire è entrato in coma per qualche minuto mentre i dottori cercavano di rianimarlo ma senza successo. Se questa storia fosse finita su Real TV, alla fine ci sarebbe la voce fuori campo del tizio che commenta i fatti che direbbe : ” il ragazzo ha pagato a caro prezzo la sua bravata”…avete presente?

Bene, ora vorrei fare un paio di considerazioni: ma come si fa a non accorgersi che un cliente occupa per tre giorni di fila un pc? Come diavolo è possibile che gli interessi per il denaro possano spingersi così oltre da non tutelare i clienti? C’è una enorme responsabilità del cafè in questione che ha dato il pc al ragazzo. Cavolo, ma dove accidenti era il tavolo del ragazzo? Capisco che la Cina è grande, ma quanto cazzo poteva essere grosso questo cafè per non vedere che un tizio per tre giorni non si alzava dal tavolino?  Cioè voglio dire, immaginate anche la puzza, no?

E’ stato anche fatto sapere che al momento della morte, il ragazzo era sotto di circa mille euro che ora qualcuno dovrà pagare. Mi auguro che lo faccia il bar, anche se sarebbe davvero il minimo.

Un giovane ragazzo è morto in un modo assurdo e la colpa è stata data alla dipendenza. Ma qui la dipendenza, come dicevo prima, non c’entra nulla. Il ragazzo in questione aveva seri problemi e sicuramente l’autopsia dimostrerà che questo giovane era sicuramente uno stupido, ritardato figlio di put*ana. Senza offesa, ci mancherebbe.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • Blogplay
 

One Response to I tre giorni del Co…glione

  1. Mauro says:

    La cina probabilmente può anche questo…
    È forse un caso che certe storie limite che riguardano videogiochi, giochi online et simila provengano in maggior numero da quel paese “comunalista” (comunista-capitalista) lontano migliaia di km?…
    Ad ogni modo (cinese o meno) questo tizio non è altro che l’ennesimo co****ne che è morto in un modo talmente stupido, che verrebbe da dire “uno scemo in meno a sto mondo!”… Certo è un modo brutale e a tratti esagerato di esprimere un parere su una persona che è deceduta, ma il primo pensiero sarà per molti proprio questo, sono pronto a scommetterci….
    Una persona che non si cura di se fino a questo modo per un’ossessione, non merita nulla di buono e di certo non la propria vita… Per non parlare di chi gestisce quell’internet cafè: la più totale noncuranza del fatto che quell’essere umano si stava distruggendo letteralmente davanti allo schermo… Come se un barista cercasse di far bere qualche altro drink ad un tizio in coma etilico…
    E la famiglia? Possibile che questa persona fosse stata così sola da sparire nel nulla per 3 giorni senza che nessuno si preoccupasse della sua mancanza?…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>